Carceri

Bellissima via Crucis ieri sera al Colosseo con Papa Francesco: politica in senso alto e nobile. Breve raccolta delle frasi più significative.

Continue reading about Via Crucis in pillole

Può darsi che i radicali facciano un po’ di tattica, come è loro abitudine, quando dicono che non riusciranno a presentare le liste per le prossime elezioni: io confido invece che il simbolo di Amnistia, giustizia e libertà alla fine si trovi sulla scheda elettorale e sia votabile. In ogni caso, se anche così fosse, […]

Continue reading about Le colpe di Pannella

Sui profughi e sui respingimenti avevamo già preso una scoppola qualche tempo fa, oggi è arrivata quella sui detenuti. Non è mai un bel giorno quando il tuo Paese viene condannato per il mancato rispetto dei diritti umani, e la decisione della Corte europea è solo l’ultima goccia su un vaso – quello delle carceri […]

Continue reading about L’ultima goccia

Dopo aver saputo – non da molti organi di stampa, per la verità – della nuova fuga di immigrati dal Cie e dell’ennesima battaglia con le forze dell’ordine,  oggi ho preso il motorino e sono corso a Ponte Galeria. L’ultima volta c’ero stato a fine luglio, all’indomani di un episodio simile; la prossima occasione sarà […]

Continue reading about Lo zoo di Bobo

Le agenzie di stampa dicono che stanotte c’è stata una rivolta al Cie di Ponte Galeria, con alcuni poliziotti feriti. Vero, per carità: gli agenti sono 11, tutti refertati. Ma è curioso che nessuno dica una parola sugli immigrati feriti, e che per sapere qualcosa sia necessaria l’informazione semiclandestina: quella di Gabriele Del Grande su […]

Continue reading about La rivolta

Uno può trovare tutti i sinonimi che vuole, ma io un posto del genere lo chiamo carcere. Un posto, voglio dire, con grate alte una decina di metri, e 27 telecamere che vigilano 24 ore al giorno, e soldati dell’esercito a controllare i monitor, e poliziotti a darsi il cambio con carabinieri e Guardia di […]

Continue reading about LasciateCIEntrare

Non so se Dominique Strauss-Kahn sia innocente o colpevole: di certo non gli affiderei mia figlia diciottenne, se ne avessi una, ma mettiamo un attimo da parte le opinioni personali sul soggetto. Non cedo neppure alla tentazione di capire come mai il sesso continui a giocare un ruolo così importante nelle vite di persone che […]

Continue reading about La lezione DSK

La musica di sottofondo di oggi, mi raccomando, è quella del veglione di Capodanno: Meu amigo Charlie Brown, possibilmente con trenino incorporato. Quella del peppè-perè-peppè, di Brigitte- Bardot-Bardot, insomma, ci siamo capiti. Ma stavolta bisogna ballarla con la mano destra ben aperta, le cinque dita in bella vista: è il giorno della manita, ragazzi, quella […]

Continue reading about La manita

Il rapporto che Amnesty International pubblica ogni anno cerca di misurare la distanza tra il mondo reale e il concetto ideale di civiltà: è un tentativo, in base a dei parametri il più possibile oggettivi, di quantificare le mancanze dei singoli Paesi, anche quelli che – come noi – si ritengono all’avanguardia nel rispetto dei […]

Continue reading about Tra noi e la civiltà

Qualche giorno fa, il giorno delle manganellate agli aquilani, notavo come davanti alla Camera ci fosse il tutto esaurito per gli spazi di protesta: il camper dei lavoratori di Eutelia, i disabili in carrozzina, i terremotati in corteo. Nonostante il caldo atroce e l’assenza totale di ombra, pare che anche in queste ultime settimane di […]

Continue reading about Tutto esaurito