Camorra

Dopo una giornata come quella di oggi, ve lo assicuro, passa la voglia pure agli uomini di buona volontà. Un po’ per la pronuncia della Corte costituzionale sul referendum – l’avevo messa in conto, se ricordate, già quando sono andato a firmare – che resta un atto giuridico, per carità, ma che in un momento […]

Continue reading about Passa la voglia

Il no della Lega al decreto rifiuti, nel Consiglio dei ministri di ieri, vuole dire parecchie cose. Quella più rilevante, dal punto di vista politico, è che la mezza Italia a sud dell’Arno ora non può più contare sul governo di Centrodestra uscito dalle elezioni 2008, ma deve per forza di cose sperare nell’aiuto dell’opposizione: […]

Continue reading about L’arroganza terrona

Cerco di fare un riassunto della situazione innanzitutto a me stesso, perché negli ultimi giorni sembra di stare al cinema e la trama si arricchisce in continuazione di nuovi personaggi. Due deputati della Repubblica sono invischiati in una storia torbida di lobby, che toccherebbe da vicino anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, nonché principale […]

Continue reading about Un brutto film

Quando l’altro giorno parlavo di Lampedusa, sottolineando l’assenza di firme padane sotto una qualunque delle varie mozioni presentate, volevo anticipare un concetto che si è manifestato ancora meglio ieri, con la sparata di Calderoli contro il decreto rifiuti e la minaccia di far volare sedie al prossimo Consiglio dei ministri: dopo la batosta alle amministrative, […]

Continue reading about Sarà dura

Pure i sassi sanno che, nelle polemiche interne alla Lega, pesa molto la partita solitaria di Roberto Maroni, che ormai vuole dare l’impressione di muoversi autonomamente e che mira a costruirsi un’immagine da statista. Dopo due anni di paziente tessitura, ieri pomeriggio il ministro ha strappato la tela, mostrando all’Italia che per assomigliare a De […]

Continue reading about Lo statista mancato

Un’intervista di Rosetta Iervolino a freddo, dopo le elezioni, la aspettavo con una certa impazienza. Perché io le ho sempre rimproverato (anche a tu per tu) di avere avuto poco polso con la sua giunta e con la sua maggioranza, ma – al di là della grande simpatia personale, che nelle valutazioni politiche deve entrarci […]

Continue reading about Rosetta’s version

C’è solo un’altra cosa che mi fa altrettanto incavolare, rispetto alle denunce di voti comprati a Napoli in queste ore: quelli che rispondono che è sempre stato così, e che ti tirano fuori le scarpe di Achille Lauro, e che insomma contestualizzano. Non voglio dire che a uno come me – uno, cioè che negli […]

Continue reading about Il prezzo di un voto

La prima riflessione che ti viene in mente, camminando in questi giorni per le strade piene di monnezza, è ben sintetizzata da Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera di oggi, in un pezzo dedicato alle amministrative partenopee: “come possono ambire, persone con la testa sul collo, a farsi carico di tutte le grane che […]

Continue reading about Il prenditore

Per come si erano messe le cose dopo le primarie, la situazione a Napoli sta andando meglio del previsto. Va abbastanza bene sul fronte delle alleanze, nel senso che abbiamo un candidato sindaco sostenuto da buona parte del Centrosinistra (oltre a noi, Sel, Verdi, socialisti), e con la stessa Idv abbiamo firmato un accordo in […]

Continue reading about Gioco pulito

Non so se è capitato anche a voi, ma ai miei tempi si usava: quando uno studente era in ritardo con la tesi, ma scadevano i termini per la presentazione, prendeva una risma di fogli bianchi (o magari scritti, per non dare nell’occhio) e li rilegava con la copertina di pelle, con tanto di intestazione, […]

Continue reading about Il decreto che non c’è