Bersani

Bill Emmott, già direttore dell’Economist, non è certamente accusabile di simpatie berlusconiane. Anzi, fu proprio sotto la sua direzione che il settimanale britannico definì Berlusconi unfit, inadatto, a governare. Ma vede l’Italia come una bella addormentata, da svegliare al più presto: su questa tesi ha costruito anche un docufilm (Girlfriend in a coma) sulle ragioni […]

Continue reading about L’Italia in coma

Non sarebbe elegante, da parte mia, mettermi a fare una riflessione sui singoli candidati nelle liste Pd: avrei da dire su diversi nomi, e sui meccanismi che li hanno portati a occupare quelle caselle, ma sono troppo parte in causa per sembrare obiettivo. Mi limito dunque a riprendere una riflessione abbozzata ieri sera su twitter, […]

Continue reading about La verità, vi prego, sulle liste

Stamattina ho albeggiato con Cnbc, ospite di una diretta da Montecitorio prima che aprissero le Borse. Le domande erano sostanzialmente quattro. Uno: non è che Berlusconi vince un’altra volta, vero? No. Due: rispetterete gli impegni presi con l’Europa? Sì, pure con Vendola. Tre: è vera questa storia del salvataggio? Credo di no, visto che da […]

Continue reading about Monti dopo Monti

Riassunto della situazione per non addetti ai lavori. Bersani vince le primarie del Pd e il povero Silvio – schivata la minaccia di Renzi, che lo avrebbe costretto alla pensione – decide di giocarsi il tutto per tutto: d’altra parte i sondaggi danno il Pdl in calo e il Pd in ascesa (vista Repubblica di […]

Continue reading about Leali sì, ingenui no

Sono un po’ stanchino, come disse Forrest Gump dopo aver corso per tutti gli Stati Uniti. Stanchino ma contento di averci messo la faccia, di aver combattuto a testa alta, di aver difeso un’idea senza calcolare se mi convenisse o meno, di aver riportato a votare tanta gente che da un pezzo non ne aveva […]

Continue reading about A testa alta

Il mio fioretto di oggi è non partecipare al gioco della lavagna, che mi pare abbia contagiato un po’ tutti in queste ore tese prima del ballottaggio di domani. Da una parte e dall’altra, stiamo dividendo il mondo in due colonne: di qua i bravi, cioè noi, e di là i cattivi, cioè loro; di […]

Continue reading about La lezione del rugbista

Da giorni, e non per propaganda, andiamo dicendo che al ballottaggio si riparte da zero a zero. E citiamo tre casi recenti in cui il secondo turno ha ribaltato il primo: Parma 2012, Napoli 2011, Roma 2008. Nel primo caso, Pizzarotti partì con la metà dei voti di Bernazzoli e finì con 20 punti di […]

Continue reading about Swing voters

Uno dei temi chiave dell’ultima assemblea nazionale, quella in cui si approvarono le primarie, era relativo alle modalità di voto. Ne uscimmo con una formulazione abbastanza flessibile, che in sostanza fissava due cose: la registrazione obbligatoria e l’apertura di una finestra tra primo e secondo turno. Era così flessibile che, un minuto dopo la chiusura […]

Continue reading about Stumpo, ho preso l’aereo

Sono veramente contento per le primarie di ieri, e chi mi conosce sa della mia incapacità di mentire: contento sia per le primarie in sé, sia per il risultato di Matteo Renzi, che è riuscito ad arrivare al ballottaggio di domenica prossima con Pierluigi Bersani. Mi vengono in mente tutti quei dirigenti del mio partito […]

Continue reading about Daje

Il miglior endorsement a Matteo Renzi che mi sia capitato di leggere in questi giorni – ce ne sono stati diversi, così come del resto agli altri candidati – non è stato scritto da una persona, ma da una redazione: quella del Post, una delle principali testate italiane online. Il direttore Luca Sofri ed io […]

Continue reading about Reset