renzi assemblea pd expo tasse

Per un’assemblea di partito che non doveva decidere su temi fondamentali, in un sabato caldissimo di metà luglio, un’ora e mezzo di discorso è un tempo infinito. Ma forse c’era da immaginarlo, perché nessuno come Renzi è bravo a riempire i vuoti, soprattutto nella comunicazione meteo-centrica di mezza estate, e a dettare l’agenda ai mass media. Ieri, per esempio, ha detto che tutti i giornali avrebbero titolato sulla promessa di ridurre le tasse, e puntualmente ciò è avvenuto; anche se si tratta di una promessa, appunto, e anche se i temi sul tavolo erano molti di più.

“Avete capito bene”, dice il presidente del Consiglio alla platea, quando promette di intervenire su prima casa, Ires, Irap e a ridosso della campagna elettorale 2018 – viva l’onestà – addirittura su scaglioni Irpef e pensioni. È una frase già sentita, quell’avete capito bene: un intercalare berlusconiano, verrebbe da dire, ma il gioco delle somiglianze tra i due potrebbe regalare soddisfazioni ancora maggiori. E il perché, vedremo, non è casuale.
In uno dei momenti più infuocati della storia del Pdl, la direzione del 4 novembre 2010, Berlusconi si presenta con un discorso scritto. C’è Fini ormai fuori, e l’allora Cavaliere commenta che “il frazionamento dei partiti politici è il peggior guaio che possa capitare a una democrazia”. Cita il lavoro del governo – aveva fatto lo stesso sette mesi prima, nella famosa occasione del “che fai, mi cacci?” – e si dice stupito di come una forza politica che sta governando l’Italia e portando a casa risultati concreti possa perdere tempo a farsi la guerra interna.
La citazione involontaria da parte di Renzi, nel lungo intervento di ieri all’Expo, è stata quasi testuale: “nel Pd ci dovrebbe essere entusiasmo e gioia, e invece siamo la tribù dei musi lunghi”; “il partito più forte d’Italia e d’Europa non può parlare a se stesso, ma deve parlare all’esterno”; “se pensate che siamo in crisi, è colpa del caldo”. Poi, verso la fine, lo ripete chiaramente: nei prossimi due anni ci sono così tante cose da fare che impelagarsi in discussioni interne sarà proprio l’ultimo dei pensieri. Come prevedibile, insomma, tra i due incarichi (capo del governo e segretario di partito) alla fine il primo ha la meglio sul secondo; e la stessa assemblea nazionale, appunto, si rivela una vetrina per parlare delle politiche dell’esecutivo, dove del resto il Pd – come e più ancora del Pdl berlusconiano, all’epoca – ha una posizione dominante.
Ma le analogie tra il Renzi di ieri e il Berlusconi degli ultimi anni non finiscono qui: quella principale, anzi, è molto più di sostanza che non di forma. Tracciando il perimetro dei propri avversari politici, infatti, l’ex sindaco di Firenze ne cita tre: la sinistra più radicale di Civati-Vendola (“Possibile? Sì, ma improbabile”), il “populismo di Grillo” e la “destra becera di Salvini”, quest’ultimo omaggiato delle attenzioni che normalmente si riservano all’antagonista principale. “Non c’è altro”, rimarca il presidente del Consiglio, spazzando via dal panorama politico ogni possibilità di aggregazione dei moderati: una mossa non casuale, proprio mentre Berlusconi cerca di intavolare un dialogo con Passera e Della Valle, a voler dire che quello spazio ormai è del Pd. Vero o falso che sia nel merito, il metodo è lo stesso utilizzato dal leader di Forza Italia, che si ritagliava gli avversari su misura: da un lato la sua proposta, dall’altro la sinistra comunista.
Dal punto di vista dell’agenda politica, è chiaro che gli annunci sulle tasse avranno bisogno di discussioni più approfondite e di numeri concreti: se l’economia non riparte alla grande, infatti, alleggerire le entrate senza uscire dai parametri europei appare un po’ complicato. Più fattibile, invece, è la road map renziana dei prossimi mesi, con le unioni civili infilate tra le riforme costituzionali e la legge di stabilità; difficile però “chiudere evitando scontri”, come auspica Renzi nel passaggio sull’argomento, perché la coperta della maggioranza in materia è abbastanza corta e nel Nuovo Centrodestra c’è già chi festeggia il rinvio.

[Ho scritto questo articolo per alcuni giornali del Gruppo Espresso: Corriere delle Alpi, Gazzetta di Mantova, Gazzetta di Reggio, Il Centro, Il Mattino di Padova, Il Piccolo, Il Tirreno, La Città – Quotidiano di Salerno e Provincia, La Nuova Ferrara, Libertà di Piacenza, La Nuova Venezia, La Provincia Pavese, La Tribuna di Treviso, Messaggero Veneto, Nuova Gazzetta di Modena]

Did you like this? Share it:

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Un commento to “C’era una volta Silvio”

  1. RENZI MENTE O MISTIFICA? scrive:

    Per mantenere le promesse che ha fatto all’EXPO(trasformato anch’esso in ennesima macchina propagandistica da un regime la cui fame di potere fa vomitare),Renzi deve necessariamente truccare le carte:diversamente,il rapporto DEFIIT/PIL romperebbe il muro del 3%.PUo’ darsi che abbia un accordo segreto con Draghi,visto che durante i duri giorni passati dell’affaire greco,la BCE è piu’ volte intervenuta per ridurre lo spread,facendo incazzare il naziministro Schuable.La risalita dello SPREAD,significa e significava che mentre uccidevano la Grecia,i tedeschi godevano di un eccellente trasferimento di investimenti in direzione di Berlino e lontano da noi.Due piccioni con una fava,per il governo di Berlino.Ma Draghi si è messo di mezzo e,quel che è piu’ grave,lo potrebbe rifare,perchè la politica di sacrifici di Berlino puo’ essere attaccata solo sfondando i criteri di Maastricht con l’appoggio della BCE.La seconda ipotesi è che Renzi agira’ grazie a stsistiche truccate dall’ISTAT.Il cosidetto ente statistico ce l’ha per vizio,d’altronde.Il censimento del 2011 per esempio mostrava un paese in grave calo di popolazione:proprio come lo sognano i nostri amici dell’asse a delinquere francotedesco per metterci all’angolo come paese moribondo.Le statistiche del censimento negavano quelle precedenti,cosi’ come quelle seguenti.Il presidente dell’ISTAT fu poi nominato ministro da Letta.Sono questo,le nostre istituzioni.Per non parlare dell’Inflazione ISTAT all’1,6 del 2003,mentre quella reale era del 60% a causa del giochetto 1000 lire un Euro.Dunque dietro le balle di Renzi c’è qualcosa che non va d’accordo con l’aritmetica.Va d’accordo con la propaganda,e questo con l’identita’ dell’ex PCI si intona benissimo.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Paged comment generated by AJAX Comment Page
IMPORTANTE! Prima di pubblicare il commento, devi mostrare le tue abilità matematiche e risolvere la difficilissima operazione qui sotto (è una precauzione anti-spam, abbi pazienza). Poi spingi il pulsante "submit".

Quanto fa 5 + 11 ?
Please leave these two fields as-is: