primarie pd liguria

Ci sono due notizie che girano a braccetto, ormai da qualche giorno, e una è decisamente più grave dell’altra. La prima è che un pezzo del Pd, all’incirca coincidente con l’area di Civati, non voterà alle Regionali in Liguria per la candidata ufficiale del proprio partito; la seconda è che, nonostante il segretario le abbia già liquidate come “un bellissimo episodio di democrazia”, le primarie sono arrivate in Procura e non è detto che ne escano immacolate. La notizia più grave è di gran lunga la seconda, ma è dalla prima – ossia dal dibattito interno, che di strettamente ligure ha ben poco – che dipende la tenuta di una serie di questioni oggi sul tavolo.

I prossimi dieci giorni, da qui al primo scrutinio per il Quirinale, sono abbastanza complicati e densi: alla Camera ci sono le riforme istituzionali, al Senato la legge elettorale, in frigorifero il decreto sul fisco con il famoso comma del 3 per cento (il cosiddetto salva-Berlusconi, di cui il presidente del Consiglio si è assunto la responsabilità). L’ultimo dei tre è rimandabile al momento in cui la partita del Colle sarà chiusa, ma sugli altri due bisognerà decidere prima: o Renzi scende a patti con la minoranza interna, facendo violenza al proprio istinto, oppure continua a tirare dritto e si espone a qualche rischio sul Quirinale, dove il voto segreto è un’arma collaudatissima per regolare conti che con il presidente della Repubblica non sempre hanno a che fare. Fassina ieri lo ha detto apertamente, con l’aria di chi – dopo mesi di totale e incontrastato dominio renziano – ha ora un’occasione unica per riequilibrare un po’ la partita.
Di certo, confermano fonti interne al Nazareno, la vicenda delle primarie in Liguria ha creato parecchi malumori: sia per il loro svolgimento, sia (verrebbe da dire soprattutto) per il modo in cui il segretario le ha archiviate in fretta, preoccupato di finirne prigioniero in un momento cruciale. L’atto più clamoroso è l’uscita di Cofferati – Vendola e una parte della sinistra dem stanno cercando di interpretarla come uno strappo sui contenuti, sognando una possibile operazione Tsipras, mentre sembra più una protesta sulla gestione stessa del partito – ma i malumori sono anche di chi rimane: tra i militanti dell’ala Cofferati c’è pure chi in questi giorni ha ricevuto minacce di morte, e fatica oggi a riconoscersi in un partito che, per convenienza, pare girarsi dall’altra parte.
In tutto questo, la Liguria resta un rebus tutto da decifrare. I garanti del Pd hanno già annullato il voto in 13 seggi, per un totale di circa 3400 schede, ma non sono entrati nel merito degli altri 2 contestati – ovvero quelli di Albenga e del quartiere genovese di Certosa – oggi al vaglio degli inquirenti. Se si accertassero delle infiltrazioni, magari di tipo mafioso, i vertici del Nazareno avrebbero ancora la forza e la voglia di sostenere Raffaella Paita? Probabilmente no, e infatti si sta già parlando dell’eventuale piano B: la candidatura di un nome condiviso e il più autorevole possibile, tipo quello del ministro Andrea Orlando, che rimetterebbe insieme i cocci.
Ma la giustizia ha i suoi tempi, che non coincidono con quelli della politica, e quando il quadro delle indagini sarà ben definito – magari tra un mese o due – il Senato dovrà già aver votato la legge elettorale, la Camera dovrà avere rimandato le riforme istituzionali a Palazzo Madama, e soprattutto il Parlamento allargato ai grandi elettori dovrà avere già eletto il successore di Napolitano. Sperare dunque che siano i giudici a togliere le castagne dal fuoco sarebbe azzardato: la partita interna ai democratici è oggi innanzitutto politica, e politicamente va risolta. A Renzi non manca il coraggio di mandare tutto all’aria, sfidando la minoranza del suo partito anche nel voto segreto e cercando di renderla ininfluente attraverso un accordo allargato con Berlusconi o con Grillo; ma innanzitutto non sa, effettivamente, quanti possano essere davvero i franchi tiratori. E poi, soprattutto, gli converrebbe?

[Ho scritto questo articolo per alcuni giornali del Gruppo Espresso: Corriere delle Alpi, Gazzetta di Mantova, Gazzetta di Reggio, Il Centro, Il Mattino di Padova, Il Piccolo, Il Tirreno, La Città – Quotidiano di Salerno e Provincia, La Nuova Ferrara, Libertà di Piacenza, La Nuova Venezia, La Provincia Pavese, La Tribuna di Treviso, Messaggero Veneto, Nuova Gazzetta di Modena]

Did you like this? Share it:

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Un commento to “La resa dei conti”

  1. standard &rich scrive:

    Il PD assomiglia sempre piu’all’ex PCUS della vecchia,cara URSS:che quasi quasi rimpiango,visto che la sua fine ci ha regalato l’unificazione della Germania e le orrende guerre jugoslave(e dulcis in fundo una fascistoide al governo della vicina troppo vicina Croazia,da ieri).Il Segretario del Partito diventa Primo Ministro,il Partito è inquinato dalla mafia(quella georgiana,a Mosca),all’interno si svolge una sorda lotta di potere tra riformisti e conservatori,i “magistrati” mettono in galera od al manicomio gli oppositori,per poi ritirarli fuori quando serve(lo fecero con Sakharow),la “ggente” è sempre piu’ lontana,l’economia non cresce(ma quella dell’URSS cresceva a tassi invidiabili,rispetto non solo all’italiana,ma perfino a quella europea:l’1,5 % in media negli anni 80,e basto’ per mandare tutto a puttane).Durante i dibattiti nei vari “talk show” gli esponenti del PD accusano i loro avversari di non comprendere la “complessita'”.E’ la formula magica che serve a mettere in imbarazzo i Salvini.Ma la complessita’ di questo partito-regime mafiosetto,mi pare sfugga agli ex compagni come la concezione scientifica della Storia sfuggi’ agli ideologi dell’URSS,che non seppero prevedere la catastrofe.Di buono,in questo bailamme,c’è soltanto Raffaella Paita:pallida,ma appetibile,a dirla con Brancaleone.Oddio,a guardarla bene assomiglia alla figlia di Brezhnew,dopo una cura dimagrante.Speriamo che alle prossime elezioni dimagrisca anche il Partito-Regime.Ma le elezioni paiono lontane.Che fastidio,queste Giorge Meloni chiaramente finanziate dalla CIA,questo Salvini esponente del revanscismo lombardo veneto,questi sciocchi riti democratici che mettono inutilmente a repentaglio,gli innegabili successi del Regime.Meglio rimandarle al 2018,e si trovasse una scusa,al 3018.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Paged comment generated by AJAX Comment Page
IMPORTANTE! Prima di pubblicare il commento, devi mostrare le tue abilità matematiche e risolvere la difficilissima operazione qui sotto (è una precauzione anti-spam, abbi pazienza). Poi spingi il pulsante "submit".

Quanto fa 4 + 10 ?
Please leave these two fields as-is: