Masterchef Italia 2013-14

Mi sono divertito parecchio a guardare MasterChef anche quest’anno e quasi mi dispiace che sia finito. Mi toccherà ora consolarmi con quello dei piccoli, anche se il meccanismo è molto più addolcito – come è giusto che sia – e manca un po’ il brivido (almeno, così mi è sembrato nell’edizione americana di MasterChef junior). Vabbe’, mi va di buttare giù 8 punti veloci-veloci, su altrettante cose che mi hanno colpito.

  1. Il mistero dei talent culinari. Mentre in X Factor li senti cantare, in Masterchef non puoi assaggiare i loro piatti. Eppure ti fai un’idea, e ti schieri, e fai il tifo, come se sentissi i sapori e i profumi. In realtà, ti stai facendo portare dalla corrente dello script.
  2. Lo script, appunto. Il montaggio segue una linea precisa. Costruisce casi per rendere interessante la sfida. L’anno scorso l’oilgate e l’antipatia caricaturale dell’avvocato, quest’anno il piatto “rubato” e l’odio da coltelli tra Eleonora e Beatrice. Anche i commenti dei giudici sono tagliati e cuciti, secondo esigenze di copione: l’idea che mi resta è che, con lo stesso materiale e un montaggio diverso, si potrebbero costruire decine di trasmissioni.
  3. Il montaggio è la spina dorsale. Ti porta dove vuole. Dà un ritmo pazzesco a una cosa che, di suo, non lo avrebbe per niente (preparare dei piatti complicati e assaggiarli). Nasconde parecchia polvere sotto al tappeto e fa dimenticare che nessuno dei tre giudici (due chef e un imprenditore della ristorazione) è un conduttore televisivo. Infatti in diretta si vede.
  4. La diretta è stata coraggiosa, ma terrificante. Un mio amico regista mi ha scritto: “Finalmente si capisce a che cosa servano i registi”. Io risponderei che, finalmente, si capisce pure a che cosa servano i conduttori. La tv può essere per tutti, la diretta no. O ce l’hai dentro, o non ce l’hai. Masterchef non ce l’ha, perché nessuno dei suoi protagonisti ce l’ha. In più, la produzione ci ha messo del suo.
  5. Lo spoiler del vincitore. Come a Sanremo, dove il Corriere ha negato, si è saputo il vincitore in anticipo. Eppure avrebbe dovuto essere annunciato in diretta. Non mi sono informato a fondo su cosa sia successo, ma le possibilità sono solo due: o l’Ansa non ha rispettato l’embargo (nel qual caso, è stata scorretta e comunque ha sbagliato l’ufficio stampa della produzione a non attendere la proclamazione), oppure – come era prevedibile – in 8 mesi di freezer il nome del vincitore si è scongelato da qualche parte. La figuraccia l’ha fatta pure il presunto notaio, ammesso che esista davvero: meno male che doveva garantire, eh.
  6. Il ruolo dei social è sempre più importante. È una trasmissione parallela, a volte più divertente di quella vera, con la solita pecca dei toni spesso esacerbati, come se ci si stesse giocando la vita. Ma è un problema dell’Italia attuale, non dei social: basta farsi un giro in macchina in centro, non serve andare su twitter.
  7. Mi sono divertito molto, soprattutto in certe puntate (quella con i frigoriferi, per esempio, mentre le esterne mi annoiano parecchio). Ma spesso, da vegetariano, ho sofferto, e ho pensato che – per quanto mi diverta cucinare – non potrei mai partecipare, per incapacità fisica di squartare una gallina o un coniglio. C’è stato un momento, quello del seitan di Rachida, in cui ho visto una luce in fondo al tunnel. Ma poi non hanno nemmeno detto se fosse venuto bene o no.
  8. Con la loro presenza, Rachida ed Emma hanno parlato di un’Italia nuova, quella che ormai è nuova solo per la politica. Due storie di vita diverse, che hanno arricchito il programma come tante culture di provenienza diversa arricchiscono la nostra società senza toglierci nulla. Ma questa è una storia lunga, che ho già raccontato molte volte.
Did you like this? Share it:

Tags: , , ,

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Paged comment generated by AJAX Comment Page
IMPORTANTE! Prima di pubblicare il commento, devi mostrare le tue abilità matematiche e risolvere la difficilissima operazione qui sotto (è una precauzione anti-spam, abbi pazienza). Poi spingi il pulsante "submit".

Quanto fa 7 + 10 ?
Please leave these two fields as-is: