Sarà pure che “la democrazia ha i suoi tempi”, come il primo ministro incaricato ha detto stasera pensando alla corsa dello spread, ma secondo me siamo già lunghi. Tutta quella fretta nel lasciar approvare una legge di stabilità molto migliorabile, con l’obiettivo di liberare la strada per l’addio di Berlusconi, rischia di non servire a niente, se Mario Monti deve mettersi a contrattare con 21 (ventuno!) componenti politiche, comprese quelle monotessera alla Pionati, prima di arrivare a stilare una lista dei ministri e dei sottosegretari. Questi ultimi, in realtà, potranno essere scelti anche in un secondo momento: per la fiducia servono almeno i primi, e se domani sera non stiamo qui a commentare la lista io comincio ufficialmente a preoccuparmi. Proprio per questo ho scelto di non unirmi ai vari appelli in giro: neppure quando sono per salvaguardare le categorie più dimenticate – giovani e donne, intendo – perché la priorità ora è un’altra.

Non mi avrete con i complotti, mi dispiace: d’altronde – si scherzava oggi su twitter – è risaputo che Monti fa parte anche dei templari e guida personalmente un biplano con cui spande scie chimiche. Non mi convincerete neppure che finora eravamo un Paese sovrano e da oggi, invece, siamo sotto dettatura dell’economia: dov’erano i difensori della politica quando, negli ultimi anni, i sindaci (soprattutto del Nord, va detto) scendevano in piazza contro quell’interpretazione ragionieristica del patto di stabilità che impedisce anche ai Comuni virtuosi di spendere i soldi che hanno in cassa? Non è anche quella una dittatura dell’economia? E chi ricorda una legge finanziaria non scritta sotto dettatura dell’economia? Banalizzo, lo so, ma mi sembrano banali anche le accuse. Come banale mi sembra l’atteggiamento di alcuni partiti, che appena vedono le elezioni in lontananza cominciano a prendere la rincorsa: penso alla Lega, naturalmente, che ha risposto all’appello di Napolitano alla coesione nazionale annunciando la riapertura del Parlamento padano, e che non si è neppure degnata di restare un giorno in più a Roma, per le consultazioni con Monti; penso anche all’Italia dei valori, che a forza di giravolte è ormai arrivata al carpiato doppio con avvitamento multiplo, e non ho ancora capito – perché credo che neppure Di Pietro lo sappia – se voterà la fiducia oppure no. Anche noi del Pd, lo dico sinceramente, dobbiamo fare uno sforzo: se il governo del presidente ha bisogno di politici, per essere più saldo, non ci tiriamo indietro; mandiamoci le nostre forze migliori, non tiriamo indietro il braccino, e chiediamo che gli altri facciano lo stesso: se questo deve essere un governo di salvezza nazionale, come ci è stato dipinto, e se deve essere l’ultima occasione per evitare il default, allora la paura non può essere quella di sporcarsi le mani, ma semmai di non sporcarsele abbastanza. Monti vuole un ministro del Pd? Sarei orgoglioso se ci andasse il segretario, a nome di tutti gli iscritti, i militanti e i simpatizzanti. Lo vuole del Pdl? Ci vada Alfano, anziché temere di bruciarsi. E lo stesso vale per Casini, per Di Pietro, per lo stesso Vendola – se ama l’Italia, si metta in gioco anche lui, tra un comizio d’amore e un altro – e vorrei dire anche per Bossi, se avessi qualche speranza residua nella Lega. Tutto il resto è tattica. Comprensibile in qualsiasi altra situazione, ma non ora.

Did you like this? Share it:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

8 commenti to “Fate presto”

  1. marcella scrive:

    parole di saggezza! purtroppo il parlamento è stracolmo di mezze calzette, di escort (maschi ne femmine), di inquisiti, di approfittatori e questo non è tranquillizante per le sorti del paese, anche senza berluska. poi, se i politicidevono entrare in un governo tecnico questo vuol dire che il caimano non cede e vuole o letta o Al fano alla giustizia e questo sarebbe troppo anche per chi si è messo a disposizione del Paese!!

  2. cicero tertio scrive:

    La situazione è molto difficile, tutti i nodi ora vengono al pettine dopo anni di governi che per aver il consenso elettorale hanno dapprima scassato le finanze e dopo le balle del leader della Casa del Mulino Bianco che ci faceva vivere nel migliore dei mondi possibili. Ora lo slogan è improvvisamente diventato “FATE PRESTO”. Se è per la politica sicuramente è il momento di cambiare marcia, tutti gravemente colpevoli, sono finiti i tempi dei giochetti. Ma non è mia intenzione commentare oltre; se è per l’economia dico che con la fretta spesso si fanno anche scelte sbagliate, ho già detto che questo è un attacco speculativo originatosi dai tentennamenti estivi di B. per cui senza sostanziali variazioni del debito pubblico lo spread è passato dal 120 di marzo agli attuali circa 500. La speculazuione ha seminato il panico e ora gode a verdere lo spettacolo. Napolitano adesso è preoccupato perchè tra poco vengono a scadenza 200 mld e vanno rifinanziati: bene, un soluzione vi dico che c’è ancora : cominciamo a tirar fuori i gioielli di famiglia: abbiamo riserve d’oro per 110 mld, li possiamo metterle a garanzia (non venderle, per carità) dei BTP da rinnovare con leva 2 e li sottraiamo subito alla speculazione. Abbiamo un ingente patrimonio immobiliare sia pubblico che privato, se lo mettiamo a garanzia potremo emettere BTP con la tripla A. Se internalizziamo il debito la speculazione non ci potrà più attaccare, come avvine in Giappone che è al 200% debito/pil. Le risorse per ora non mancano certo che se si fa questo bisogna anche finalmente fare un repulisti fino all’osso dello schifo dei privilegi e dei favoritismi, degli sprechi e delle inefficienze a tutti i livelli e in tutti i settori e far pagare le tasse come si deve a tanti altri. E’ questo che vorrei veder fare da Monti, un compito difficilissimo come è veramente il momento. NOn so se seguirà questa via o farà diversamente. E questo mi precupa molto, io non sono un bocconiano.

  3. cicero tertio scrive:

    Dimenticavo: se ci rimettiamo a posto, come vivamente spero, poi da una posizione di forza dobbiamo RINEGOZIARE i termini della nostra adesione all’euro e all’Europa perche altrimenti non reggeremo poi più un’altra crisi. E se ne usciremo lo potremo fare senza le pistole puntate come sta avvenendo ora. La speculazione internazionale e l’egoismo di chi con l’euro in Europa sta ora guadagnando su di noi è il vero nemico. Spero che il nuovo Salvatore sia conscio di questo ed esente da ogni indulgenza verso di loro.

  4. MANLIO scrive:

    @CICERO.Rispondo qui al tuo post sul blog preceente,visto che questa discussione ne è il prosieguo.Nel Giugno del 2010,mi pare fosse l’8,le banche francesi attaccarono l’Italia svendendo BTP su mandato sarkozista:a confermarlo il giornale della Real Casa,il SOLE24ORE, che ne spiego’anche le ragioni:occorreva un EURO A, ed un EURO B,per distinguere i paesi GRAND da quelli petit e relegare l’Italia in B.POi (e questo lo dico io)sarebbe seguita la richiesta di espellerci dal G7,vecchio sogno gollista.Nello stesso tempo la Francia perseguiva un asse militare con la GB,e tentava di resuscitare l’asse politico con la GErmania.Una politica napoleonica,insomma,che di napoleonico aveva solo la paranoia.Il Figaro,il 9,lamento’ che MOODDY’S stava minacciando di downgrading la Francia senza ragione.L’attacco all’Italia fini’ immediatamente.Si rinnovo’ in Ottobre,ma falli’ nuovamente.Non era ancora arrivato il giusto momento.Quel momento arrivo’ in Giugno/LUglio,quando la Grecia comincio’a mostrare crepe sempre piu’ paurose,e la speculazione internazionele prese ad attaccare tutti e tutto.Quello era il momento di rivolgersi contro l’Italia,con mercati spaventati ed il fuggi fuggi generale.Funziono’.Che l’attaco fosse guidato da Parigi lo dimostra il fatto che la Spagna,(alleato sarkozista in funzione antitaliana dal 2007 nell’UNION POUR LE MEDITERRANEE)con fondamentali assai peggiori dei nosri ne fu e ne è tuttora risparmiata.La Francia voleva fare fuori BErlusconi,rivelatosi come al solito un incubo in politica estera per gli interssi di Parigi,con la sua gestione attenta e prudente dell’affare libico.Berlusconi partito,si scopre che i mercati ormai allarmati sparano nel mucchio,ed infatti è ormai certo che la prosssima vittima sara’ la Francia.Ai “mercati” a smentita di quanto afferamava la Sinstra,non fotte assolutamente nulla di Monti:vogliono la fine dell’euro alcuni,l fuine dell’Italia altri legatia Prigi.spintici nel baratro,per salvarci dovremo svendre ENI,ENEL ETC.Questo,e quadra,lo affemavano i bloggers francesi su STRANEUROPA.BLOGGERS CHE PARLANO A NOME DEL LORO GOVERNO.E lo stiamo vedendo con l’attacco che prosegue contro l’ItaliaGli italiani,secondo un sondaggio di MANNHEIMER sono operfettamente consci di questi tentativo,e Mannahaimer LASCIA INTERNDRE ANcHE CHE SANNO CHI C’E DIETRO..Di Monti puo’ interessare a noi,visto che il governo Berlusconi negli ultimi mesi era paralizzato come un coniglio davanti ad un serpente,e se Monti fara’ una bella patrimoniale+riforma fiscale tanto meglio.TU poi consigli l’aumento delal liquidita’:si chiama INFLAZIONE.Il rimedio sta nel mettere a profitto gli inutili 1400 miliardi che stanno nei nostri conti correnti senza rendere nulla in interessi grazie alle lobby bancarie i cui componenti andrebbero immediatamente arrestati.Il 20% di quei soldi convertito in Euro improvvisamnte col metodo AMATO 92,dragherebeb 280 miliardi dal mercato,assestando alla speculazioe una botta mortale.Anche l’idea dell’oro è buona.Io lo crissi mesi fa in un blog dell’ECONOMIST,ma un certo JOE SOLARIS con simpatie francofile mi avverti’ che l’Europa non vuole.Non mi disse chi cazzo sia,questa europa,per pretende di mettere le mani anche sulle nostre collane,e fedi nuziali,che i COMPRO ORO stanno acqistando a tonnellate(pare 500)e che nel nostro tesoro,finiranno,senza che si possano toccare perchè BRuxelles non vuole.

  5. MANLIO scrive:

    Chiedo scusa per gli errori di typing,ma scrivere da un internet point con gente che urla in spagnolo dietro le spalle non è facile.

  6. cicero tertio scrive:

    @ Manlio
    sinceramente non ce la faccio a starti dietro; io seguo da tempo diversi blog di economia alternativi dove si pssono trovare tutte le opinioni e i commentari dei lettori. Nessuno sostiene tesi simili alle tue, mentre ci sono ben altri riferimenti sugli attori principali e la Francia semmai è solo un comprimario. E con questo desidero chiudere, magari anche su questo blog dove vedo che ormai ci siamo solo quasi io e te a commentare di economia. Avrei preferito di più.

  7. cicero tertio scrive:

    @ Manlio
    inoltre ti aggiungo ancora questo sito, che parla della Trilateral: “di asse atlantista Washington-Londra e delle sue propaggini parigino-berlinesi” propaggini, appunto.

    http://aurorasito.wordpress.co.....tlantiste/

  8. MANLIO scrive:

    @CICERO.Leggo il sito AURORA,ma francamente mi sembra delirium.I moti arabi in Egitto organizzati dalla TRILATERAL?I moti sulla sponda africana del Mediteraneo,iniziati in Algeria,poi in Tunisia,poi in Egitto sono scoppiati per l’aumento dei generi alimentari.Quelli in Libia,diceva la stampa francese di sinistra,organizzati dallo spionaggio francese.Con l’ovvio scopo di rubarci i contratti di miliardi stipulati da Berlusconi.Tormnndo alla crisi europea ed all’euro,i 250/300 punti di spread che ci ritroviamo in piu’,sono un regalo.Di Chi?Lasciamo rispondere LE FIGARO di 10 giorni fa.”La banca PARIBAS sta vendendo miliardi di BTP italiani”.Ma Paribas non sta in Italia sotto il nome di BNL? Stanno in Italia,ma non con spitrito amichvole e soldale che l’etica,la moralita’,la correttezza,il rispetto imporrebbero:ci stnno per distruggerci,come un cancro impiantato in un tessuto sano.Era noto da sempre,e se Berlusconi non avesse speso il suo tempo a scrivere libri sull’amore,avrebbe nazionalizzato BNL,e trasformato almeno un terzo della raccolta di quella banca(miliardi di euro,che vann oa finanziare le importazioni di Parigi dalla GERrmania,quando non sevono a tentare di distruggerci)in BTP.L’avvertimento sarebbe bastato.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Paged comment generated by AJAX Comment Page
IMPORTANTE! Prima di pubblicare il commento, devi mostrare le tue abilità matematiche e risolvere la difficilissima operazione qui sotto (è una precauzione anti-spam, abbi pazienza). Poi spingi il pulsante "submit".

Quanto fa 14 + 15 ?
Please leave these two fields as-is: