Leggendo in rete la notizia della maxisanatoria sulle multe, che il Centrodestra avrebbe promesso ai milanesi in cambio del voto alla Moratti, non mi sono neppure chiesto se sia vera o no: è verosimile, assolutamente verosimile, e questo basta a far riflettere. D’altra parte, non è la medesima strategia adottata a Napoli, con la promessa di fermare le demolizioni delle case abusive? E il governo non ha fatto lo stesso, con lo scudo fiscale per gli esportatori di capitali? La casa, la macchina, i soldi: Berlusconi sa bene quali tasti toccare per smuovere la pancia degli italiani; se corresse per il papato, c’è da giurarlo, in campagna elettorale si giocherebbe una moratoria sui comandamenti.

La destra che avevamo sempre conosciuto, storicamente, era l’alfiere della legalità: a volte, per i più progressisti, anche in maniera esagerata, poco umana. Ordine e legalità, rispetto delle regole, se fai il bravo vieni premiato se no vieni punito: abbiamo passato anni a discutere se fosse giusto o meno il concetto di tolleranza zero, con il Centrosinistra un po’ più flessibile (penso agli immigrati, ad esempio) e loro tutti d’un pezzo, a spiegarci che se avessimo aperto uno spiraglio sarebbe crollata una diga, a darci dei mollaccioni, a ribadire che la civiltà si basa sul rispetto delle regole senza se e senza ma. Anche oggi, a parole, i nostri avversari insistono su quel concetto (il coniglio dal cilindro del Pdl, in questi giorni, è che con Pisapia sindaco Milano diventerebbe una città disordinata, mentre con la Moratti è una città sicura); nei fatti, però, cercano i voti proponendo esattamente il contrario, ossia l’impunità del mancato rispetto delle regole. E si sono trasformati in una casa di tolleranza. Hai accumulato decine di multe entrando in centro quando era vietato, mentre i tuoi concittadini prendevano l’autobus? Ti sei speso in crociera nei mari del Sud i soldi che il tuo vicino di casa ha investito in una macchina più ecologica? Hai costruito una casa dove non si poteva, su un terreno a rischio dissesto idrogeologico, senza fogne né elettricità, in barba al piano regolatore, mentre tuo cugino con gli stessi soldi comprava un appartamento più piccolo e più lontano? Hai esportato capitali in nero all’estero, anziché pagarci le tasse in Italia? Non c’è problema, ragazzo mio: basta che mi voti, e si risolve tutto. La tolleranza zero, in sostanza, si è trasformata in un concetto astratto, italianizzandosi: le regole valgono per tutti, insomma, ma – stai tranquillo! – non per te. Di riflesso, il Centrosinistra (più Fli, bisogna ammetterlo) si è trasformato nello schieramento della legalità, proprio in contrapposizione all’esercito dei furbi: se un politologo avesse detto una cosa del genere negli anni Settanta, ma forse anche un po’ dopo, non gli avrebbe creduto nessuno.

Did you like this? Share it:

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Un commento to “La casa di tolleranza”

  1. MANLIO scrive:

    Hai venduto 300 miliardi (dell’80)in macchinette guaste alle Poste?Ti mandano in galera,per un giorno,poi i tuoi compagni di partito infiltrati nella magistratura ti tirano fuori,e tu diventi,da cittadino svizzero ovvero evasore di fatto delle tasse,il padrone del giornale dei moralisti ovvero calunniatori di sinistra,nonchè tessera numero 1 del Pd.Hai una sentenza di ergastolo per pluriomicidio ed associazione mafiosa e ti hanno rinchiuso nel 41bis?Metti una bomba a Firenze,una a Roma,mettine una a Milano,e ti tolgono dal 41bis per permetterti di continuare a guidare la tua cosca.Hai insomma una trave nell’occhio e vedi la paglizza in quella del tuo fratello?Vota Pisapia.

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Paged comment generated by AJAX Comment Page
IMPORTANTE! Prima di pubblicare il commento, devi mostrare le tue abilità matematiche e risolvere la difficilissima operazione qui sotto (è una precauzione anti-spam, abbi pazienza). Poi spingi il pulsante "submit".

Quanto fa 2 + 2 ?
Please leave these two fields as-is: