Ambiente

“Tre uscieri in un corridoio, due in un altro: al ministero sono impiegate cinque persone con il compito di dirmi buongiorno e buonasera. Volevo mandarne uno al museo di piazza Venezia, che non ha custodi. Mi hanno chiesto se stessi scherzando e se venissi dalla Luna”. Non è la convention del MoVimento 5 Stelle, ma […]

Continue reading about 5 uscieri per 1 buongiorno

Per la prima volta dall’inizio di questa legislatura, la maggioranza delle larghe intese sente il fiato sul collo delle opposizioni e deve mettere la fiducia su un provvedimento ormai in dirittura d’arrivo. La norma è il cosiddetto decreto Piombino, che si occupa in realtà di varie emergenze ambientali (dai rifiuti in Campania e Sicilia alla […]

Continue reading about La fiducia controvoglia

La tappa romana di Matteo Renzi, a settembre scorso, fu preceduta da una giustissima ondata di indignazione contro i manifesti abusivi che annunciavano il suo incontro all’auditorium di via della Conciliazione. Si indignarono tutti: i militanti del Pd, quelli delle altre forze di Centrosinistra che avrebbero partecipato alle primarie, il sindaco Alemanno e addirittura il […]

Continue reading about Facciamo una moratoria?

Il primo provvedimento di un certo rilievo dopo la pausa d’agosto è arrivato in Aula oggi, ma in realtà è già vecchio di un mesetto abbondante: una settimana dopo l’informativa alla Camera del ministro Clini sull’Ilva, infatti, il decreto per il risanamento ambientale dell’area di Taranto era già in Gazzetta ufficiale, preceduto – tra l’altro […]

Continue reading about Primo passo

Mettiamola così: di tutte le forze politiche intervenute oggi in Aula, nella discussione sull’Ilva di Taranto, nessuna ha chiesto la chiusura degli impianti. Probabilmente lo avrebbero fatto i Verdi, se fossero stati in Parlamento, ripetendo il programma elettorale (piuttosto inverosimile, in verità) di Bonelli alle amministrative di Taranto: chiusura dell’area a caldo e impiego dei […]

Continue reading about Tra il lavoro e la vita

Il decreto sviluppo non è la soluzione a tutti i problemi dell’Italia, per carità. Ma è simbolicamente importante – lo dicevo ieri – perché mette finalmente una crocetta nella colonna lasciata finora vuota da Monti: ci dice che nessun governo, nemmeno uno di emergenza, può pensare di rimettere in moto un Paese fermo senza dargli […]

Continue reading about Si riparte?

Corrado Passera non ama l’espressione “fase due”, perché sostiene che il governo abbia guardato alla crescita anche nei mesi passati; in realtà, se dobbiamo essere sinceri, il decreto sviluppo arriva con qualche mese di ritardo, perché da novembre ad oggi Monti si è concentrato quasi esclusivamente sul rigore. In ogni caso, il testo su cui […]

Continue reading about Fase due

Il decreto sul terremoto appena approvato dalla Camera è un buon esempio di come la politica possa dare risposte positive, sia nel metodo che nel merito. Nel metodo, perché per una volta si è messa da parte la contrapposizione tra partiti e si è finalmente cercato di lavorare insieme, anche in sintonia con la Regione […]

Continue reading about L’Emilia riparte

A un mese dal terremoto, il decreto sul riordino della Protezione civile – che il governo aveva licenziato prima, ma che è arrivato in Aula questa settimana – acquista un significato ancora maggiore di quello che già avrebbe avuto di suo. Ci eravamo lasciati, ai tempi di Berlusconi, con la proposta di privatizzarla; ma il […]

Continue reading about Post criccam

Sul Corriere della sera di sabato, Marco Imarisio raccontava la storia bellissima di un birrificio terremotato: un’azienda un po’ speciale, a conduzione familiare, che faceva lavorare disabili psichici e che ora si trovava senza cella frigorifera. Mi sono messo all’opera per cercarne una, e quando l’ho trovata – all’ora di pranzo di sabato stesso – ho […]

Continue reading about La foto di Vasco