Usa

Per un giorno, Roma torna caput mundi. E come per la visita di Obama, l’Italia non c’entra molto: c’entra la Chiesa cattolica.

Continue reading about Il giorno dei 4 Papi

L’approccio post-ideologico, il messaggio trasversale, la comunicazione al centro: 6 anni dopo lo Yes we can di Veltroni, Renzi studia da Obama.

Continue reading about A scuola da Barack

Gli agenti del giovane Michael Sam, giocatore di football del Missouri, hanno in mano una notizia: il loro assistito ha comunicato loro di essere omosessuale. Sembra un dettaglio, ma non lo è, perché da questo particolare potrà dipendere il futuro sportivo dell’atleta (e di conseguenza anche quello economico della sua agenzia): qualcuno potrebbe ingaggiarlo apertamente […]

Continue reading about Coming out

Trent’anni fa non sapevamo neppure che cosa fosse, a meno che non avessimo girato un po’ il mondo. Oggi i nostri figli ci chiedono zucche, maschere e trucchi da vampiro, e cominciano a frequentare feste a tema già una settimana prima. Che Halloween sia un business non ci piove. Che sia un rischio per la […]

Continue reading about Paura?

Sempre a proposito di Usa e di immigrazione: il fenomeno al Super Bowl di ieri sera è stato Joe Flacco,  quarterback di chiare origini italiane. Come lo erano altri due quarterback amatissimi negli anni Ottanta, Joe Montana (San Francisco 49ers) e Dan Marino (Miami Dolphins). La cosa curiosa è che quest’anno ha vinto la squadra […]

Continue reading about Italian pride

Può darsi che anche stavolta non se ne faccia nulla, perché alla Camera comandano ancora quei repubblicani che in passato la bocciarono. Ma mai come ora, negli Stati Uniti, la riforma dell’immigrazione sembra a un passo: dopo il sostegno esplicito di McCain al Dream act promesso da Obama, un milione e mezzo di figli di […]

Continue reading about Il sogno bipartisan

Prima ancora che Matteo Renzi si candidasse per le primarie, avevo già deciso da quale parte stare: dalla parte di un’offerta politica di Centrosinistra più coraggiosa di quella che eravamo stati capaci di mettere sul piatto negli ultimi 4 anni. Non ne ho mai fatto una questione contro Pierluigi Bersani, persona di grande equilibrio e […]

Continue reading about Io voto per

Fra le varie cose che Barack Obama ha detto stanotte, nel discorso di ringraziamento, vorrei importarne gratis in Italia almeno una: il senso di comunità, di famiglia. Retorica d’ordinanza? Può darsi, anche perché l’ultimo passaggio ad effetto (“Non esistono Stati rossi, repubblicani, e Stati blu, democratici: esistono solo gli Stati Uniti d’America”) era copiato pari […]

Continue reading about Four more years

Oggi è venuto alla Camera Lobsang Sangay, capo del governo tibetano in esilio: da quando – poco più di un anno fa – il Dalai Lama si è ritirato dall’attività politica, per dedicarsi completamente a quella spirituale, è lui che rappresenta ai massimi livelli la causa del Tibet. Mentre ne parlavo in diretta, sui social […]

Continue reading about E li chiamano terroristi

Per carità, già ai tempi della maglietta di Calderoli su Maometto avevamo avuto modo di sperimentare sulla nostra pelle quanto risentimento il dileggio dei simboli religiosi possa provocare in certe aree del mondo. E se lo condannammo allora, sarebbe strano non farlo oggi, solo perché al posto della Lega c’è un misto di ebrei, cristiani […]

Continue reading about Solo un film?