Sant’egidio

Dice Monti, in un’intervista a Famiglia cristiana di cui è stata appena diffusa un’anticipazione, che non rischierà la stabilità del suo governo sull’altare della cittadinanza ai figli degli immigrati. E la mette sul pragmatico: “Potrei avere una soddisfazione intima morale”, perché è un tema a cui tengo, ma “se fosse risolto il problema al prezzo […]

Continue reading about Il pragmatico

La prima impressione, dopo aver sentito l’audizione di Andrea Riccardi in Commissione Affari Sociali, è che se il governo riuscisse a fare metà delle cose che ha in mente sarebbe già un buon risultato: non solo in termini relativi – il predecessore alla Famiglia, il mitico Giovanardi, aveva addirittura autodenunciato la propria irrilevanza e minacciato […]

Continue reading about L’ammortizzatore

La richiesta di suggerimenti sui tagli da parte del governo mi pare uno strumento di democrazia, dunque ben venga. Spero solo che i suggerimenti dei cittadini non facciano la fine del mio sulla parata militare del 2 giugno: è un anno che ne chiedo il taglio, o almeno la moratoria in un momento di crisi […]

Continue reading about I muscoli allo specchio

Al ministro Riccardi non fa schifo la politica, altrimenti non avrebbe accettato di mettere tra parentesi il suo impegno per dedicarvisi. E se fino al giorno prima del giuramento al Quirinale era un tecnico, ora è un politico anche lui, come del resto lo sono diventato io – che di tessere in vita mia avevo […]

Continue reading about Tutti al teatrino

Le cito in ordine cronologico, come le ho sentite dal ministro. Uno: “Per migliorare il welfare ci vogliono soldi, e per i soldi ci vuole crescita. Senza crescita, al massimo possiamo parlare di redistribuzione”. Due: “Non abbiamo risorse per una grande riforma dell’assistenza, quindi cerchiamo solo di evitare sprechi”. Tre: “Mi dispiace per i servizi […]

Continue reading about Il ministro senza welfare

Se per l’italiano medio è stato un presidente della Repubblica – ottimo, discreto, mediocre o pessimo a seconda dei punti di vista – per me Oscar Luigi Scalfaro è stato molto di più. È stato un esempio di cristiano impegnato in politica, con una fede molto profonda; non mi riferisco al distintivo di Azione cattolica […]

Continue reading about Ciao, presidente

Alla fine mi toccherà ringraziare Beppe Grillo, perché con la fesseria che ha detto è riuscito a riportare la cittadinanza al centro del dibattito politico. Sulla sua uscita non aggiungo molto a quello che ho già scritto pubblicamente, nei social network e nei comunicati stampa: una persona abituata a ragionare per paradossi a volte perde […]

Continue reading about Italiani vecchi e nuovi

C’è un bel pezzo oggi, che pone parecchie domande a chi vive da cristiano il proprio impegno in politica. L’ho visto come una risposta a quel versetto del Salmo 39 che dopo la Messa di ieri mi ero copiato tra le note dell’iPhone, per rifletterci un po’ su: “Ho annunciato la tua giustizia nella grande […]

Continue reading about Cattoché?

Non sarò obiettivo, lo metto subito in chiaro, nel racconto dell’audizione di Andrea Riccardi alla Commissione Affari Costituzionali. Se fingessi di esserlo, mentirei innanzitutto a me stesso, perché il ministro dell’Integrazione e della Cooperazione ha detto cose che penso da sempre, e che avrei voluto dire io se fossi stato al posto suo. Cerco almeno […]

Continue reading about Nuova stagione

Sulla cooperazione internazionale ci eravamo lasciati male, malissimo. Non so quanti di voi lo ricordino, ma c’era stata una lite sui soldi tra Frattini e Tremonti: il primo a inizio estate aveva anticipato alcuni fondi, per non bloccare i progetti in corso, con la promessa di restituzione da parte del secondo; arrivati al dunque, però, […]

Continue reading about Si cambia davvero?