Acli

Ho letto molto, forse anche troppo, sulla vicenda di Todi e sulle spaccature che hanno portato ad annullare l’incontro delle realtà cattoliche ormai programmato da tempo. Doveva essere il punto finale di un cammino durato anni, con il varo di una strategia comune da adottare in vista delle elezioni; in realtà il suo annullamento fa […]

Continue reading about In ordine sparso

Il presidente delle Acli spiegava ieri su Europa che “stavolta la società civile vuole metterci la faccia”. Stavolta significa, senza giri di parole, alle prossime elezioni. Società civile significa un raggruppamento di organizzazioni cattoliche, di nobile tradizione e di notevole credibilità. Metterci la faccia significa salire sul treno di Montezemolo: non nel senso di Italo, […]

Continue reading about Metterci la faccia

Mentre si continua a parlare di un nuovo soggetto politico dei cattolici, come del resto avviene ciclicamente dall’inizio della Seconda Repubblica, in questo fine settimana le Acli hanno detto una cosa importante: “Preferiamo rischiare – cito le parole del presidente, Andrea Olivero, all’incontro nazionale di Orvieto – piuttosto che stare cinicamente alla finestra a giudicare”. […]

Continue reading about Le Acli si schierano

Le cito in ordine cronologico, come le ho sentite dal ministro. Uno: “Per migliorare il welfare ci vogliono soldi, e per i soldi ci vuole crescita. Senza crescita, al massimo possiamo parlare di redistribuzione”. Due: “Non abbiamo risorse per una grande riforma dell’assistenza, quindi cerchiamo solo di evitare sprechi”. Tre: “Mi dispiace per i servizi […]

Continue reading about Il ministro senza welfare

L’altro giorno, ricorderete, avevo risposto all’articolo di Barbara Spinelli, scrivendo che invocare la spintarella dei vescovi per far cadere Berlusconi mi pareva un atto poco coerente da parte di chi ha sempre rimproverato alla Chiesa una presenza nel dibattito pubblico. Quando ha parlato il cardinale Bagnasco, forse lo avrete notato, non ho detto una sillaba: […]

Continue reading about La Chiesa in movimento

Dopo la battaglia neppure troppo sotterranea alle amministrative di Milano, la Chiesa torna a confrontarsi anche sui referendum. E le formazioni in campo sembrano, a prima vista, quelle del trofeo Madunina: Comunione e liberazione da un lato, resto del mondo dall’altro. I primi per il no, o per l’astensione, i secondi per il sì: è […]

Continue reading about Acqua benedetta

Nel frullatore dei ballottaggi è finita anche la Chiesa, che sul voto di Milano sta vivendo un confronto interno abbastanza aspro. In un certo senso, stanno venendo al pettine quei nodi che erano già emersi negli ultimi anni: penso, ad esempio, al funerale di don Luigi Giussani, il fondatore di Comunione e liberazione, che fu […]

Continue reading about All’ombra del Duomo

Finché la legge non ci aiuta, aiutiamoci da soli. Sto parlando di cittadinanza, naturalmente, alla luce di un’iniziativa che abbiamo lanciato oggi in Campidoglio: hanno letto il titolo, Fratelli in Italia, e ci hanno mandato nella Sala del Carroccio, tanto per farci capire chi comanda nel nostro Paese. L’idea è quella di reggianizzare l’Italia, nel […]

Continue reading about Fratelli in Italia

Per la seconda volta dall’inizio della legislatura, il gruppo del Pd ha portato in Aula un mio question time: il primo fu due anni fa sui tagli alla cooperazione internazionale, quello di oggi è stato sulla cittadinanza. Ho preso spunto da un problema di ordine pratico: la chiusura di un call center inaugurato nel 2005 […]

Continue reading about Un terno al lotto

In un Paese normale – la Svezia, che so, dove pagano più tasse di noi ma i servizi funzionano, o la Norvegia, dove pagano meno tasse di noi ma i servizi funzionano – è lo Stato ad occuparsi di chi ha bisogno: non perché sia buono, ma perché è un suo dovere. Da noi, invece, […]

Continue reading about Il conte Ugolino