A Sua Immagine

Non so cosa voglia dire l’aggettivo ruiniano, ma credo che il primo a dolersene sarebbe il cardinale Ruini, se leggesse l’articolo che Italia oggi ha scritto su di me. Intanto, perché c’è una ricostruzione della mia candidatura che è esattamente l’opposto di come sono andate le cose: non solo il cardinale Ruini non ha mai […]

Continue reading about Burattino senza fili

Tempo fa, prima ancora dei cambiamenti nei vertici Rai, denunciavo quello che secondo me è il principale difetto dell’informazione italiana: l’incapacità, nella stragrande maggioranza dei casi, di far sentire entrambe le campane. Ne viene fuori – scrivevo, e chiedo perdono per l’autocitazione - un’informazione à la carte, in cui ognuno sceglie in anticipo cosa vuole sentirsi […]

Continue reading about La cena è servita

Non so Berlusconi, ma io con i rifugiati ho lavorato a lungo. Ho cominciato come volontario a 17 anni, verso la fine degli anni Ottanta, mentre lui era impegnato a discutere con Craxi di cose più importanti: lui dormiva all’Hotel Rafael, io passavo una notte a settimana nel dormitorio di San Saba, che ospitava una […]

Continue reading about Il presidente paragnosta

Questa settimana ho visto cose che voi umani non potreste immaginare. Ho visto con i miei occhi deputate in lacrime, ma non per il terremoto. Con il rimmel colato alle guance, piangevano per essere state candidate alle Europee: non di gioia, naturalmente, ma di disperazione. Mi metto nei loro panni, e mi sarei preoccupato anch’io: […]

Continue reading about Ho visto cose

Caro David, mi sa che non ci siamo mai scambiati mezza parola. Neppure al bar di Saxa, la domenica, quando le ospiti della mia trasmissione, compresa qualche suora, mi davano le gomitate per dirmi quanto eri figo. Ma ho pensato di scriverti lo stesso, per darti un’idea di quello che ti aspetta. Non che io sappia molto […]

Continue reading about Caro David

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=tN3x9j22qCM] Quattro anni fa, il 2 aprile 2005, era un sabato. Avevo la puntata di “A sua immagine” in onda da Saxa, perché con il Papa in quelle condizioni si poteva andare solo in diretta. Mi ritrovai, alle cinque del pomeriggio, a commentare su Raiuno un momento drammatico: l’ultimo briefing con la stampa di Navarro Valls […]

Continue reading about Quattro lunghi anni

Oggi è un giorno molto particolare: un po’ triste, da un certo punto di vista, ma dall’altro no. Evito grossi preamboli e vado al sodo. Ci ho provato, ce l’ho messa tutta, ma in un anno – undici mesi e spiccioli, in realtà – non ho cambiato nulla: sono l’ultimo dei peones, vengo invitato ai […]

Continue reading about Ci ho provato

Un anno, è passato un anno. Il primo post di questo blog è datato domenica 2 marzo 2008, una giornata che ricordo perfettamente: c’era la raccolta firme per un fisco a misura di famiglia, organizzata dal Forum delle associazioni familiari, con la quale avevo organizzato da settimane un collegamento per “A sua immagine” dal Colosseo. […]

Continue reading about Un anno fa

La giornata trascorsa ad Auschwitz e Birkenau, per una puntata di “A sua immagine” sul silenzio di Dio, è stata una di quelle che ricorderò anche in punto di morte. L’odore, la luce, il nulla. Le scarpe, le valigie, i capelli, gli occhiali, i binari. Il filo spinato. L’interno dei capannoni. Mi ricordo ogni particolare, […]

Continue reading about La memoria a gamba tesa

“Brutta giornata, eh?”, mi accoglie stamattina un giornalista in Transatlantico. “Eh già, questa storia di Margiotta è davvero fantascienza!”, rispondo con il cappotto ancora in mano. Lui: “E mica solo Margiotta: avrai letto di Lusetti a Napoli…”. Silenzio. Balbetto qualcosa, più che altro per smarcarmi, poi chiedo conferme in giro, ma la domanda più difficile la […]

Continue reading about Schiena dritta